English version  Versione italiana

 

AVTS... LA NOSTRA STORIA

Il primo incontro tra alcuni ferrovieri in servizio e pensionati FS per la costituzione di un gruppo dedicato alla salvaguardia del materiale storico avvenne nel 1997 e due anni dopo si costituì a Verona l’Associazione Veneta Treni Storici.

In quel periodo gran parte del personale d’officina era andato in pensione, per cui venivano a mancare gli addetti ai vecchi mezzi proprio nel momento in cui si stava sviluppando l’interesse per il parco ferroviario storico.

Le nostre due 740 in pressione

Espletate dunque le formalità burocratiche legali ed assicurative, l’Associazione iniziava l’attività operativa l’8 gennaio 2001, dedicandosi al completo restauro della locomotiva elettrica E 626 231 (costruita nel 1935 ed in servizio sui treni merci fino a pochi anni prima, assegnata al Deposito di Bologna San Donato) ed alla manutenzione di tutte le locomotive a vapore e delle automotrici Diesel storiche presenti nel deposito di Verona Santa Lucia.

Il secondo impegno a cui si dedicarono i soci di AVTS fu la revisione della locomotiva a vapore 740 038, già presente fra i mezzi storici, ma ferma dal ‘98 a causa della rottura di un cilindro motore e del relativo biellismo accoppiato. Durante la lunga sosta, la locomotiva subì danni estetici ad opera di vandali, sia in cabina, sia all’esterno, quindi il lavoro di recupero si rivelò particolarmente lungo, circa 3200 ore di lavoro, impiegate per la sostituzione e la revisione di molte parti meccaniche, il rifacimento di parti deteriorate e la completa riverniciatura prima della rimessa in esercizio.

Gli ultimi lavori hanno riguardato un’altra locomotiva a vapore, la 740 293, revisionata ad opera delle officine della Metalmeccanica Milanesio di Moretta (CN) e collaudata a Verona a fine novembre 2007, e le automotrici Diesel del gruppo Aln 873.

I soci inoltre prestano la propria opera prima, dopo e durante l’effettuazione dei treni speciali, curando ad esempio il rifornimento e l’accensione delle macchine a vapore o la coordinazione tra organizzatori e partecipanti.

L’Associazione annovera soci provenienti dal Veneto, Trentino Alto Adige e Lombardia; è presente un Consiglio Direttivo che coordina sia le attività interne che i rapporti con Trenitalia, proprietaria dei mezzi storici e degli impianti in cui avvengono i lavori di manutenzione.

In base alla convenzione stipulata con Trenitalia, nell’Associazione è stato creato un gruppo di soci “operativi”, che si ritrovano due volte la settimana presso il Deposito Locomotive di Verona e l’Impianto Manutenzione Corrente di Mestre per lavorare sui mezzi storici.

L’apporto dei soci in servizio presso Trenitalia in quanto la normativa italiana prescrive che anche i treni storici siano condotti da personale abilitato ed in servizio regolare al pari di qualunque altro treno.

Le prospettive future dell’AVTS sono incoraggianti: è prevista l’organizzazione a Verona di una scuola per accudenti di locomotive a vapore, per dar modo a diversi soci operativi di apprendere le nozioni di base per il mantenimento in esercizio dei treni a vapore.

Ma al di là del lavoro di officina, AVTS è impegnata anche in opere di divulgazione e promozione delle sue attività, attraverso il coinvolgimento di enti, scuole ed associazioni.


 

 

AVTS © 2011  Disclaimer